Distacco temporaneo in Italia di lavoratori comunitari - Firmato il Protocollo di intesa

on .

È stato firmato lo scorso 9 aprile tra il Ministero del Lavoro e l'Ance, assieme a tutte le altre parti sociali dell’edilizia, il Protocollo di intesa sul distacco temporaneo in Italia di lavoratori dipendenti da imprese straniere comunitarie.
Con tale importante intesa le parti, tenuto conto anche della normativa richiamata nel Protocollo stesso hanno, in primo luogo, stabilito che le imprese distaccanti comunitarie dovranno necessariamente provvedere all’iscrizione del personale distaccato presso le Casse Edili, qualora nel paese di origine non sia prevista un’analoga copertura.
Dovranno altresì presentare alla Cassa Edile la specifica documentazione afferente il distacco stesso menzionata nel Protocollo, ai fini della dimostrazione e conseguente verifica della regolarità contributiva e retributiva.
La CNCE provvederà, poi, ai fini del riconoscimento delle analoghe condizioni, a stipulare apposite convenzioni con i paesi comunitari con i quali possa sussistere tale caratteritica di reciprocità.
Le parti si sono, inoltre, impegnate a promuovere un collegamento diretto tra Dtl, Cpt, Casse Edili e Scuole Edili per lo scambio di informazioni necessario ad effettuare gli opportuni interventi in materia di regolarità del mercato, formazione dei lavoratori distaccati e sicurezza nei cantieri. (Fonte Ance)